Risultati | Calendari | | Training | storia | Scienza e tecnica | Home | Links  | Contattaci


News dalle Regioni

Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia G.
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Toscana
Trentino
Umbria
Valle D'Aosta
Veneto
Sardegna
Sicilia
 

Inserisci il tuo banner               PUBBLICITA'           

 

IN PRIMO PIANO

Record del Peso per Chiara Rosa La Di Martino batte ancora il record dell'alto
(luglio 2007 di Marco Petrella)
La pesista veneta Chiara Rosa, allenata da Enzo Agostini, ha stabilito il nuovo  record italiano del lancio del peso portandolo a 19,15 metri.
Il record è stato battuto all'Arena Civica di Milano nel corsoi della Coppa Europa.  L'atleta, tesserata per le Fiamme Azzurre, ha così polverizzato il vecchio primato nazionale detenuto da Assunta Legnante che nel settembre scorso a Busto Arsizio aveva scagliato il peso a 19,04.
(luglio 2007 di Marco Petrella) Antonietta Di Martino ha migliorato per la seconda volta in pochi giorni il primato italiano del salto in alto femminile portandolo a 2,03 metri. il record è stato stabilito in occasione della Coppa Europa di Atletica all'Arena Civica di Milano.
La Di Martino ora è quest'anno la seconda nel mondo dietro la Croata Blanka Vlasic che ha saltato 2,04 metri.

Strepitoso Record dei 5000m: La Defart migliora il suo record

(giugno 2007 di Marco Petrella)
Nella prima tappa della Golden League,  sulla mitica pista Bislett di Oslo, l'etiope Meseret Defar  ha migliorato il record del mondo dei 5000m con il tempo di 14‘16“63  dei 5.000 metri donne.
Il precedente primato di 14‘24”53 era stato stabilito dalla Defar il 3 giugno 2006 a New York.
nella foto la Defart (foto www.iaaf.org)

La Di Martino batte il record Della Simeoni e vola a 2,02

(giugno 2007 di Marco Petrella) alla fine i record vengono battuti ed anche quello della Simeoni ha avuto una fine.
L'impresa si è realizzata a Torino nel corso dell'ottavo Memorial "Primo Nebiolo".
La Bevilacqua ci era andata più vicino di tutte ma è la finanziera Antonietta Di Martino a compiere il miracolo.
è lei ora la nuova regina del salto in alto.
Per la cronaca la gara è stata vinta dalla Berqvist con la stessa misura della Di Martino
Il precedente primato durava ormai da ventinove anni ed era il più vecchio dell'atletica italiana femminile.
a Febbario a Banska Bystrica era salita nel gruppo dei "due metri" superando l'asticella posta a 2,00m e stabilendo il nuovo primato Italiano Indoor.
Ora anche il primato all'aperto è suo.
Ma vediamo chi è Antonietta De Martino:
Nata a Cava De' Tirreni il 1 giugno 1978, pesa 57 kg ed è alta 171 cm.
Allenata da Davide Sessa è tesserata dal 2002 per il gruppo sportivo della Guardia di Finanza.
è stata cinque volte Campionessa Italiana Assoluta, tre volte all'aperto (2000, 2001, 2006) e due indoor (2003, 2007).
Quest'anno ha conquistato l'argento agli Europei Indoor.
Ai Campionati mondiali di atletica leggera di Edmonton 2001, si è classificata al dodicesimo posto.
La Di Martino sarà in gara a luglio negli assoluti di Padova.(foto Fidal Marche)

Gli eventi di atletica-leggera.com: La Traversata del Morrone

Domenica 12 Agosto 2007 si svolgerà La Traversata Del Morrone, la tradizionale giornata dedicata alla transumanza.
L'escursione lunga e suggestiva ha visto negli scorsi anni un gran numero di appassionati.
L'escursione è inserita in un calendario di eventi tesi a promuovere le nostre montagne.
Il programma della giornata è disponibile cliccando su questo link
Si tratta di una serie di escursioni in alcuni luoghi poco conosciuti ma che hanno fatto la storia della pastorizia abruzzese.
Per chi volesse partecipare a questa o ad altre escursioni lo può fare inviando un e-mail o telefonando al numero telefonico 349.2886009
Scaricate il Programma 2007 delle escursioni in pdf.
Il Nostro portale in collaborazione con il sito web abruzzese www.abruzzese.org ha organizzato gli eventi
Si inizia da Maggio e si prosegue per tutta l'estate con una serie di escursioni in alcuni angoli tra i più belli d'Abruzzo. Per conoscere meglio il programma vai alla pagina dedicata all'
escursionismo.
 

News e articoli vari dal Mondo dell'ATLETICA LEGGERA

Crollano i record dei 400m: La Reina e Barberi volano a Rieti.

3 Settembre 2006: Andrea Barberi batte dopo 25 anni, lo storico record di Mauro Zuliani. Il finanziere di San Gregorio di Sassola porta il record italiano a 45"19. La Reina, invece ha corso in 51.18 stabilendo il nuovo record italiano della specialità. Doppia impresa per la pupilla dell'Atletica Avis Macerata allenata da Sergio Biagetti, che in un colpo solo ha raggiunto l'obbiettivo di una stagione, scendere sotto i 52 secondi. La Reina, straordinaria protagonista in ottava corsia, ha abbattuto il precedente primato, 51.31, detenuto da Virna De Angeli e che resisteva dal 1997. Quello che entusiasma è il fatto che la tre volte Campionessa d’Italia del giro di pista sia stata capace di migliorarsi di ben 89 centesimi. Un progresso impressionante, ma che ha caratterizzato finora tutta la sua stagione. Non bisogna, infatti, dimenticare che la “leggerissima” marchigiana (poco meno di 45 chili di peso!)  fino a quattro mesi fa vantava un best-time di 53.44. “Non riesco a crederci –  ha detto Daniela tra le lacrime; dopo il traguardo  all’arrivo ero praticamente certa di essere riuscita a scendere sotto i 52 secondi, quello che poi era il mio vero obiettivo qui a Rieti; poi, questa notizia, una roba pazzesca! Giuro, quasi non riesco a crederci, ma sono ovviamente felicissima. Per il prossimo anno allungherò il tiro, arrivando a correre anche qualche 800 m, distanza sulla quale in molti dicono io possa far bene”.
la Reina poi ha battuto a Macerata anche il record dei 500m in 1:09:63. (foto fidal Marche)

Nasce Sport Special: trasmissione interamente dedicata all’Atletica Leggera

La FIDAL - COMITATO PROVINCIALE DI MILANO ha siglato un accordo con una televisione locale, il Canale PIU’ BLU LOMBARDIA (frequenze 54 UHF per le aree Milano-Monza-Brianza), per coprodurre 12 puntate di una trasmissione interamente dedicata all’Atletica Leggera dal titolo SPORTSPECIAL. Le trasmissioni andranno in onda ogni sabato alle ore 12.00 e ogni domenica alle ore 19.00 dal mese di febbraio al mese di giugno. Saranno trattati argomenti legati all’atletica invernale, alla didattica sportiva e agli eventi che vedono protagonisti i giovanissimi.
Lo scopo di questo progetto è dare maggiore visibilità al mondo dell’Atletica Leggera, invertendo l’ormai cronica tendenza, in atto presso tutti i media nazionali, che vede gli sport diversi dal calcio relegati nei fondi dei telegiornali sportivi. In questo senso la scelta di optare per il circuito PIU’ BLU risponde alla necessità di raggiungere, all’interno del territorio provinciale milanese, il maggior numero possibile di giovani da avvicinare a questo sport. Sabato 11 Febbraio ore 12.00, e in replica Domenica 12 Febbraio andrà in onda la sintesi sulla 74° edizione della Cinque Mulini, la gara Internazionale di cross svoltasi Domenica 5 Gennaio a San Vittore Olona (Mi). La puntata sarà interamente dedicata alle gare Master Maschile e Femminile, con interviste ai vincitori e altro
ancora. La puntata della settimana prossima (18 e 19 febbraio) verterà, invece, sul mondo dei Lanci, e sarà dedicata al Campionato Regionale invernale.
 

Maratona, Divorzio tra Di Cecco e il il tecnico Chiavatti: Parla Chiavatti

di Marco Petrella è arrivata come un fulmine a ciel sereno al notizia del divorzio tra Alberigo Di Cecco ed il tecnico Donato Chiavatti. La decisione era stata presa di comune accordo lo scorso 14 Ottobre con una lettera inviata ai vertici federali e dei Carabinieri, squadra per cui Di Cecco milita. Le divergenze, di natura tecnica, tra Di Cecco e Chiavatti erano iniziate alla vigilia dei mondiali di Helsinki.
Nella lettera inviata da Chiavatti il tecnico esprimeva il suo rammarico nel non poter continuare a seguire l'atleta in quanto non condivideva alcune scelte tecniche prese in modo unilaterale dal Di Cecco. Purtroppo al divorzio sono seguite le immancabili polemiche alimentate dalla stampa e che hanno costretto il tecnico a tornare sull'argomento con un comunicato.
Il tecnico Chiavatti risponde alle polemiche seguite al divorzio: - "Diffido, pertanto, gli autori di “illazioni” e di “false verità” a proseguire nei loro inqualificabili comportamenti atti solo a creare, volontariamente e consapevolmente, discredito verso le persone che hanno sempre anteposto l’onestà intellettuale e il rispetto umano al proprio “tornaconto” personale.
Il tecnico ha commentato anche le dichiarazioni di Di Cecco apparse sulla rivista correre: ".....La dichiarazione dell’atleta Di Cecco apparse sul n° 257 pag. 83 della rivista “correre” <<…ho sentito lontano il mio allenatore.>> è il segno evidente che non ho mai avallato e condiviso le scelte agonistiche operate “unilateralmente” dall’atleta proprio nel mese immediatamente precedente l’importantissimo appuntamento di Helsinki".Certi comportamenti, avuti dopo la splendida vittoria di Roma, dall’atleta Alberico Di Cecco, mi ha lasciato il fondato sospetto che il pensiero del giornalista Gianni Merlo, in questo specifico caso, non sia molto lontano dalla verità.
(Sulla gazzetta del sport Merlo aveva scritto: "Un fatto è certo: il mondo della maratona è diverso da quello pistaiolo. Circola più denaro e gli atleti fanno scelte economiche e non solo tecniche. La maglia della nazionale ha perduto valore per alcuni, che preferiscono gli ingaggi e i premi subito, invece di un sogno di gloria domani....")
Il tecnico ha concluso le sue dichiarazioni commentando il comportamento tenuto da Di Cecco: "...ad esclusione della gara Olimpica di Atene-2004 dove si è egregiamente comportato in molte delle altre competizioni istituzionali con la maglia azzurra le sue prestazioni sono state, sempre, molto lontane dall’abituale standard.
il tecnico pone delle domande: ".......Mi chiedo …è stato sempre un errore di programmazione o c’è dell’altro?. Spero che qualche persona più informata e qualificata di me possa darmi una risposta convincente!.......".
Donato Chiavatti, Pescarese è uno stimato tecnico che da oltre trenta anni opera a Pescara.
Si tratta di un tecnico di comprovata esperienza e che ha sfornato numerosi talenti. Purtroppo, i principi che regolano il professionismo sono a volte diversi da quelli dilettantistici e possono portare a distrazioni ed a scelte sbagliate da parte degli atleti.
Non volendo entrare nel merito delle polemiche speriamo sempre che il caso si sgonfi e ci auguriamo che Alberigo e Donato non si facciano influenzare dalle "sirene" della strampa e degli ingaggi e possano tornare insieme per regalare all'abruzzo altre giornate indimenticabili come quella di Roma. Il mondo professionistico è molto diverso dal dilettantismo e se non si ha esperienza è come una giungla in cui i leoni sono rappresentati da giornalisti ed organizzatori di gare che inducono spesso, con le loro condotte, a a commettere degli errori che poi si pagano in fase di programmazione. Spesso è difficile per un ragazzo affrontare questo mondo. Siamo sicuri, tuttavia, conoscendo l'intelligenza e l'onestà intellettuale di Di Cecco e Chiavatti che alla fine le polemiche si placheranno e dalla fine prevarrà la ragione.

 

Balassini campionessa con il cuore d'oro

Mondiali: Schwazer salva l'Italia dalla figuraccia

La sedicesima edizione di Telethon, la maratona di solidarietà per promuovere la ricerca scientifica sulla distrofia muscolare e le altre malattie genetiche, ha visto organizzare sotto alle Due Torri numerose iniziative culturali, scientifiche e sportive; le attività programmate sul territorio provinciale bolognese si sono effettuate in ogni settore sociale, fra cui l’ambito scolastico. La manifestazione “Alleniamoci alla vita”, sponsorizzata da Telecom, si è alleata con Telethon per fare riscoprire l'anima educativa del gioco e dello sport, visti come straordinarie occasioni di formazione e di pratica di valori indispensabili. Una modalità privilegiata di crescita: culturale, sociale e atletica; una di queste manifestazioni di sensibilizzazione si è svolta nella palestra della Scuola primaria “XXI Aprile”, appartenente alla Direzione Didattica N. 3 di Bologna. Nell’ambito del progetto “Alleniamoci alla vita”, collegato a “Telethon 2005”, la martellista Ester Balassini ha incontrato gli alunni delle classi del plesso scolastico del Quartiere Saragozza di Bologna; continua >>

Gennaro Desina L’unica e insperata medaglia ai mondiali di Helsinki viene da una giovane promessa italiana, il carabiniere Alex Schwazer altoatesino allenato da Sandro Damilano. arruolato nei Carabinieri dall’ex marciatore olimpionico Vittorio Visini che di talenti del tacco e punta se ne intende e che ha creduto in lui.Schwazer già lo scorso anno aveva il miglior tempo europeo under 23 nonostante i suoi 19 anni e quest’anno ha iniziato la stagione vincendo il titolo italiano nella 50 km. “Ero già contento di essere qui in mezzo a tanti campioni – dice Alex – che aver vinto una medaglia non mi sembra vero, controllavo le pulsazioni e ho forzato visto che mi sentivo bene (nonostante Damilano lo invitasse alla calma segno che il ragazzo ha carattere e talento) sono arrivato vicino all’argento ma va bene così. Ringrazio il mio allenatore Damilano, il gruppo di Salluzzo e il gruppo sportivo carabinieri Bologna e in primis Vittorio Visini che mi ha permesso di allenarmi con tranquillità .” Schwazer da bambino ha praticato lo sci alpino, poi ha cominciato a giocare a hockey su ghiaccio da attaccante, arrivando alla nazionale under 16. L'atletica l'ha scoperta a 15 anni come mezzofondista, poi è passato alla marcia ma ha avuto una crisi di rigetto e si è dedicato al ciclismo, prima mountain bike e poi su strada. Sandro Damilano lo ha convinto a tornare indietro. Alla sua quinta 50 chilometri, il polisportivo con 29 pulsazioni al minuto (la media per un essere umano è 70), ha fatto un grande  exploit che è andato oltre le più rosee aspettative.

NUOVO RECORD DEL MONDO nei m 100. POWEL il Giamaicano di Roma ha corso in 9''77

Il giamaicano Asafa Powell ha stabilito ad Atene il nuovo record del mondo sui 100 m correndo in 9''77. Il precedente primato apparteneva allo statunitense Tim Montgomery che aveva corso a Parigi in 9''78. Il Giamaicano, grande favorito dei giochi olimpici, si è preso quindi la sua rivincita. nel record di Powel anche un pizzico d'Italia dal momento che lo sprinter Giamaicano si allena e vive a Roma durante la stagione dei meeting in Europa.

Le specialità dell'Atletica

Velocità
Ostacoli
Salti
Marcia
Lanci
Mezzofondo e fondo
Corsa su strada

Community

Forum
Escursionismo

Ricerca personalizzata

 

IL BRONZO DELLA GABRIELLI: primato Italiano abbattuto agli Europei Juniores

Martina Gabrielli, atleta di Boltiere tesserata con la Camelot di Milano è giunta terza terza nei 10.000 metri di marcia agli Europei juniores di atletica in svolgimento a Kaunas, in Lituania.  Martina si è migliorata di quattro minuti, chiudendo col nuovo primato italiano junior di 46'38"53. Oro alla Russia, con Vera Sokolova (43'11"34, record mondiale di categoria) e argento  e Olga Mikhaylova (45'31"49). Quella di Martina è la prima medaglia Europea nella marcia nella storia della nazionale italiana junior. l'atleta bergamasca ha portato a 46'38"53 il primato italiano junior di Annarita Sidoti, 47'57"9, risalente a diciassette anni fa.
Il nostro collaboratore
Gennaro Desina ha sentito Il commento del tecnico azzurro Visini capo settore della marcia italiana "Sono molto contento - dice Visini- perché ho fortemente voluto la sua convocazione in nazionale nonostante non avesse esperienza a livello internazionale e lei da grande atleta ci ha ripagato con un grosso risultato che fa bene al movimento della marcia italiana".

 

 

Di Cecco Re Di Roma

Gennaro Desina Alberico Di Cecco vince la maratona di Roma a tempo di record con il tempo di 2h08'02". Per il trentenne di Fara San Martino è stata una giornata fantastica conclusasi tra il tripudio della folla.
continua >>

L'Abruzzese Silvaggi è il nuovo direttore Tecnico della Squadra Italiana

1/03/2005 E' nato a Caramanico (PE) ai piedi del Morrone in un area stupenda ma dove l'atletica è conosciuta solo dai ritagli di giornale. La notizia è stata accolta con entusiasmo nel piccolo centro Abruzzese. Nicola Silvaggi ha iniziato a praticare l'atletica nelle Marche come discobolo prima e come lanciatore del martello in seguito. Silvaggi sarà responsabile sia del settore Maschile che Femminile continua >> (Marzo 2005)

 

 

MARCIA DA RECORD: BRUGNETTI abbatte il muro dei 38' nei 10 km di marcia

Gennaro Desina Ivano Brugnetti, campione olimpico di Atene sulla 20km di marcia ha stabilito ieri sera a Sesto San Giovanni (Milano) la miglior prestazione mondiale assoluta sulla distanza dei 10 km su pista, coprendo la distanza in 37:58.60, primo crono della storia al di sotto dei 38 minuti. Il record precedente, 38:02.60, era dello slovacco Josef Priblinec del 30 agosto del 1985. Era per Brugnetti l'ultimo test prima dei Mondiali di Helsinki. L'appuntamento con la rassegna iridata è per le 18.40 del 6 agosto ora di partenza della gara della 20 km. Abbiamo sentito il capo settore della marcia italiana, il luogotenente Vittorio Visini responsabile tecnico dei carabinieri Bologna presente a Sesto San Giovanni e che accompagnerà i marciatori nella trasferta mondiale "Brugnetti - dice Visini -può considerarsi uno dei favoriti per la gara mondiale della 20 km " anche se ha lasciato intendere che in gare a livello mondiale conta anche il giudizio dei giudici sulle ammonizioni agli atleti. Comunque Brugnetti sicuramente dopo i suoi successi passati cercherà di sorprenderci ancora dopo aver ottenuto successi a livello mondiale sia sui 50 che nella 20 km di marcia.

Scienza: La Corsa è come la droga

Un Curioso studio realizzato da  alcuni scienziati universitari Californiani  attribuirebbe alla corsa la capacità di stimolare la produzione di alcune sostanze che provocherebbero effetti simili quelli della marijuana.
I ricercatori del George Institute of technology della California.
I ricercatori, studiando alcuni atleti sotto sforzo, avrebbero scoperto una sostanza chiamata Anandamide che avrebbe gli stessi effetti di alcune sostanze stupefacenti.
Questa sostanza che altro non è che una molecola di grasso, viene prodotta sotto sforzo e produce una sensazione di benessere. (Marco)
 

Doping

Si chiama thg ed è lo steroide usato per superare i controlli antidoping. Il terremoto è partito dagli Usa e già si è spostato in Inghilterra. Sono già caduti nella rete alcuni pezzi grossi: il velocista Inglese Chambers, la mezzofondista Regina Jacobs e chissà quanti lo usavano ma non sono stati scoperti. Il centro di questo scandalo pare che sia negli Stati Uniti e la faccenda riguarderebbe anche altri sport. Nell'atletica sono stati presi importanti provvedimenti come i controlli incrociati sangue urine. Purtroppo, in altri sport hanno prevalso le ragioni del business e molte federazioni si sono rifiutate di imporre questi controlli o hanno applicato delle sanzioni molto lievi se rapportate a quelle dell'atletica.
I casi più emblematici sono accaduti nel calcio dove alcuni giocatori si sono rifiutati di sottoporsi ai prelievi.
E' capitato così che mentre Ben Johnson è stato squalificato a vita ed i suoi record annullati, altri l'hanno fatta liscia ho hanno avuto, come nel caso di alcuni giocatori di calcio, squalifiche di massimo sei mesi pur avendo assunto le stesse sostanze usate da Johnson. Purtroppo, molti associano la pena alla gravità del fatto con il risultato che molti credono che le sostanze assunte da chi fa atletica siano più gravi di quelle usate nel calcio. (Marco)


 

atletica-leggera.com cerca collaboratori: Se ti interessa partecipare alla costruzione del nostro portale invia un e-mail a info@atletica-leggera.com